La Geobiologia è una delle scienze più recenti, strettamente collegata alla Medicina dell’Habitat, che indaga sulla presenza di radiazioni o radianze di varia natura provenienti da fonti artificiali (causate dalla civiltà tecnologica dell’uomo moderno) o da fonti naturali (il cosmo, le stelle, il sole, il sottosuolo, le faglie, le falde acquifere ecc…) che rendono discontinua la crosta terrestre facilitando, fra l’altro, la fuoruscita ad esempio di gas radon o di radianze (molte delle quali pericolose per la nostra salute) di varia natura ed intensità.

La Geobiologia si avvale di strumentazioni elettroniche e radiestesiche che sono in grado di misurare e verificare le lunghezze d’onda e l’intensità di tali fenomeni; l’aspetto più importante (oramai da tutti conosciuto) riguarda la misurazione dell’inquinamento elettromagnetico o elettrosmog ma anche di analizzare la qualità dei materiali da costruzione e valutare con particolari strumentazioni la presenza di fenomeni geopatici fortemente perturbanti, tali da provocare disturbi vari e come dimostrato da molti scienziati e ricercatori internazionali la possibilità di causare disturbi di vario grado fino a processi degenerativi a carico delle cellule viventi.

La moderna Geobiologia non si limita alla semplice lettura dei vari fenomeni ma ne stima la pericolosità per la salute dell’organismo umano e grazie alla “Domoterapia” (terapia della casa) pone rimedio alle disarmonie ambientali.

Gli obiettivi del benessere abitativo e della Domoterapia che sono il fine ultimo di una progettazione Vastu oppure Feng Shui, sono quasi coincidenti con quelli di un risanamento geobiologico. Nei primi due casi è molto più facile intervenire in sede di progetto, mentre un risanamento geobiologico o domoterapia è altrettanto valido ed efficace in una nuova costruzione quanto in un edificio di vecchia data, dove non comporta trasformazioni strutturali o modifiche impiantistiche.

I principi che stanno alla base di tale intervento sono molto semplici e concernono la libera circolazione all’interno di uno spazio chiuso delle energie (CHI) di Terra e di Cielo che permeano la superficie del nostro pianeta e consentono agli esseri viventi di mantenersi in salute e di comunicare con le forze sane della Natura.

Quando queste “energie” sono libere di circolare all’interno della casa, dell’ufficio o dell’azienda, in tali spazi abitativi si potrà misurare la presenza di frequenze bioenergetiche (con caratteristiche lunghezza d’onda che possono essere, per semplicizzare, positive o negative). L’ambiente pulserà realmente come un sistema vivente solo quando tali lunghezza d’onda saranno armoniche e biocompatibili. In questo caso la casa (la nostra terza pelle) vibrerà in sintonia con il nostro corpo e lo aiuterà a liberarsi, specialmente durante il riposo notturno, delle congestioni e delle tensioni accumulate durante il giorno. La possibilità di ammalarsi, quindi, risulterà ridotta e sarà quasi impossibile sviluppare malattie o disturbi gravi poiché il corpo ritroverà, in un ambiente neutro o positivo, tutte la capacità per difendersi e reagire autonomamente.

Un grande aiuto in questa fase ci arriva, fra gli altri metodi e tecniche, dall’uso dello strumento Antenna di Lecher (in foto) che consente di misurare con grande precisione le lunghezze d’onda sopra descritte, ma ci si avvale anche di altri strumenti sia radioestesici come l’Aurometro, il Biotensor, il pendolo di Turenne, ecc…sia di strumenti bioelettronici e biofisici.

Il Risanamento ambientale vero e proprio viene effettuato posizionando all’interno della casa, se è il caso, alcuni dispositivi, sia di origine naturale sia dispositivi  ideati dalla sensibilità dell’uomo che sfruttando, per esempio, i sistemi circolatori già esistenti (impianto idrico, elettrico o di riscaldamento, ecc..) risuoneranno con le frequenze naturali di Terra e di Cielo in modo da renderle così intense e diffuse in ogni angolo da eliminare gli effetti nocivi derivanti dalle eventuali geopatie o disarmonie più o meno sottili presenti nel sottosuolo o nei muri, nonchè dall’inquinamento elettromagnetico sempre più diffuso.

A cura del Prof. Dott. Claudio Viacava – Biologo Nutrizionista, Naturopata, Psicologo e Psicoterapeuta, Esperto in Medicina dell’Habitat e Domoterapia

Fonte: www.viacavaclaudio.it