L’automobile, come altre invenzioni tecnologiche, ha da tempo rivoluzionato le abitudini e lo stile di vita di tutti noi e, insieme al computer, ci sta letteralmente mettendo a sedere. Il suo uso smodato ci ha reso più pigri e a volte la usiamo abitudinalmente per spostarci in luoghi che potremmo raggiungere anche a piedi, dimenticandoci che il nostro corpo è un mezzo di locomozione. Se aggiungiamo, oltre alle criticità legate al nostro corpo, anche il nervosismo, che assale molti automobilisti nel mezzo del traffico cittadino, possiamo parlare di un vero e proprio logorio sia sul piano fisico (sciatalgie, ernie, disturbi circolatori) sia sul piano psicologico (stress, ansia…).

Non siamo fatti per stare fermi a lungo e in particolare la posizione seduta è ciò che aumenta la vulnerabilità della nostra schiena. Questo è causato in particolare dalla perdita delle curve fisiologiche della nostra colonna vertebrale,  dovuta a sedili poco ergonomici o a posizioni sbagliate che assumiamo durante la guida.

Cosa fare quindi?

Vi proponiamo qui di seguito dei semplici esercizi, che contribuiscono a trasformare le pause forzate da un momento negativo e stressante ad uno positivo e piacevole da dedicare a se stessi, ad esempio al semaforo, in coda, mentre si attende qualcuno nel parcheggio ecc… Non perderete così tempo, non vi logorerete il sistema nervoso, vi ristorerete e, nel frattempo,“lubrificherete” le vostre articolazioni e allungherete i vostri muscoli.

mazzetta_giorgio_drive_def-05

mazzetta_giorgio_drive_def-10

mazzetta_giorgio_drive_def-14

 

A cura di Giorgio Mottini – Ceo & Founder Eukinetica star bene lavorando www.eukinetica.it