Sono tre (Aosta, la toscana San Miniato e la piemontese Orbassano) le città green che “difenderanno la maglia” italiana all’European Green Leaf Award, certamen della Unione Europea che intende premiare le realtà urbane che si sono maggiormente distinte a favore dell’ambiente. Ossia quelle che hanno fatto uno sforzo particolare nel generare valore ambientale e nuovi posti di lavoro.

Al premio delle città green possono parteciparvi relatà urbane che contano tra 20mila e 100mila abitanti che si distinguono per una buona gestione ambientale, per l’attenzione all’efficienza energetica, ad aspetti quali la raccolta differenziata, la mobilità sostenibile, il verde. Un esempio è Orbassano: che, come ci racconta Francesco Gallo dell’ufficio Ambiente del Comune torinese, conta su una percentuale di raccolta differenziata che oscilla intorno al 60%, su numerosi interventi di efficientamento energetico edilizio già attuati, utilizzando sia i finanziamenti dello Stato “scuola sicura” sia avendo già effettuato interventi sui singoli edifici. Inoltre ha adottato il PAES (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) e ha posto attenzione alla qualità della vita, con la realizzazione in fieri di una nuova biblioteca, di cinque parchi urbaniper 60mila metri quadri oltre a un parco extraurbano di 50mila «tutto finanziato ed in parte già realizzato», fanno sapere. Infine lo stesso Comune ha in corso l’affidamento del servizio di car sharing, con la possibilità di utilizzare auto elettriche. Sono validi esempi di una politica attenta al verde e ai cittadini, che trova analogie sia ad Aosta che a San Miniato.

Ma il significato di partecipare a questa iniziativa oggi, al di là di vincere, è quello di «dimostrare l’impegno finalizzato alla crescita del verde ambientale, a incoraggiare lo sviluppo della consapevolezza ambientale attraverso il coinvolgimento dei cittadini e infine promuovere Orbassano come “ambasciatrice verde”, incoraggiando altre città ad ottenere migliori risultati sul campo della sostenibilità – spiega Francesco Gallo – Candidarci ci pareva un modo per esportare e condividere la nostra esperienza e per attingere da altri utili consigli e insegnamenti».

Le fasi che portano alla elezione del vincitore, selezionato da una giuria competente, vedono l’annuncio (nella seconda metà di marzo) dei candidati sottoposti alla valutazione degli esperti; ad aprile/maggio 2016 tutti i candidati saranno poi invitati a preparare una presentazione video per la giuria.

Ecco la top ten delle città attualmente candidate, presentata nel sito web Europe Green Leaf.

  • Aosta (Italia)
  • Cornellà de Llobregat (Spagna)
  • Galway (Irlanda)
  • Kardzhali (Bulgaria)
  • La Roche-sur-Yon (Francia)
  • Mikkeli (Finlandia)
  • Orbassano (Italia)
  • San Miniato (Italia)
  • Serres (Grecia)
  • Strovolos (Cipro)

 

Scritto da: Andrea Ballocchi

Fonte: http://wisesociety.it/ambiente-e-scienza/lue-premia-le-citta-green-tre-italiane-in-finale/