La salute nel piatto

 

“E quando addentate una mela, ditele nel vostro cuore:

i tuoi semi vivranno nel mio corpo, e i tuoi germogli

futuri si schiuderanno nel mio cuore.

Il loro profumo sarà il  mio respiro.

E insieme gioiremo in tutte le stagioni…”

 

Kahlil Gibran

 


SABATO 7 MARZO 2015 dalle ore 14.15 alle ore 19.00. Registrazione pubblico ore 13.45

LocationMuseo del Manifesto Cinematografico, Via Gluck 45, Milano (Linea M2 e M3 fermata Centrale, Bus e tram linee 90-91-87 o 2 e 5)

 

La conoscenza delle proprietà nutrizionali dei cibi vegetali permette di concepire come cibi “fondamentali” non solo della dieta vegetariana, ma anche della dieta onnivora, i cibi vegetali. I cibi fondamentali di una dieta vegetariana sono rappresentati dai 5 gruppi di cibi vegetali, cioè cereali, preferenzialmente integrali, legumi, verdura, frutta, frutta secca, e dai loro derivati. L’utilizzo abbondante e variato di cibi vegetali e l’attenzione nei confronti dell’alimentazione consentono di realizzare una dieta vegetariana ben bilanciata e salutare.

 

Questi e molti altri argomenti verranno affrontati dagli illustri relatori che parteciperanno al Congresso:

Dott. Prof. Franco Berrino – Prevenire le malattie in cucina

La maggior parte delle malattie croniche hanno due grandi cause in comune il tabacco e la sindrome metabolica. I fumatori vivono in media meno dei non fumatori, chi ha la sindrome metabolica meno di chi non ha disturbi metabolici. La sindrome metabolica dipende dalla nostra dieta ad alta densità calorica, il nostro organismo fu progettato per mantenere l’equilibrio in qualunque situazione ma va incontro a deterioramenti che dipendono dalle difficoltà in cui lo mettiamo. La salute è il potere di reagire a tutto quello che cambia nell’ambiente in cui viviamo.

Nat. Giusi De Francesco – Prevenzione, suggerimenti, rimedi naturali e uno stile di vita adeguato

I cibi estremi, purtroppo, ci privano spesso di una buona salute fisica, lo stile di vita frenetico, con emozioni e stati d’animo stressanti non aiutano a instaurare la serenità e l’armonia desiderata. Un approccio naturale olistico aiuta ad affrontare sia la prevenzione che la malattia, l’alimentazione, i rimedi naturali e le terapie alternative assumono in questo caso un ruolo molto importante.

Dr. Michele Riefoli – Mangiar Sano e Naturale. I benefici di una dieta ricca di vitamine, frutta e verdura

Oggi è sempre più diffusa l’opinione che per ottenere stati superiori di benessere con metodi naturali bisogna adottare quanto prima uno stile di vita sano che includa l’alimentazione naturale a base vegetale e l’attività fisica consapevole. Nei vegetali si concentrano molti fattori protettivi in grado di proteggere l’organismo, effettivamente con un consumo più elevato di frutta e verdura le malattie degenerative possono essere rallentate nel loro decorso, fermate e in molti casi addirittura fatte regredire. Frutta e verdure sono indispensabili nel determinare un ottimale  equilibrio idrosalino, sono ricchissime di vitamine e di fibra. Queste ragioni, giustificano ampiamente l’uso abbondante e costante di frutta e verdure all’interno di una dieta bilanciata per ottenere salute e benessere.

Dott. Salvatore Simeone – Digiuno: Via di Salute

Qual è la storia del digiuno nell’umanità, la sua valenza terapeutica in molti campi della medicina. Come fare un buon digiuno? Luoghi comuni, terapie dimagranti e agopuntura.

Maestro Zen Tetsugen Serra Lo Zen: come vivere la consapevolezza in cucina.Un’ introduzione alla consapevolezza in cucina come pratica spirituale

I principi su cui si basa la cucina zen sono di amore e gratitudine verso tutti gli esseri e il cibo ricevuto. Il cibo zen è generalmente leggero e sano e tutto quello che si svolge in cucina viene fatto con grande consapevolezza: vivere con Armonia, fare la spesa, cucinare, preparare il cibo, la tavola, servire, può essere trasformato in un atto meditativo di crescita personale e di aiuto a tutte le persone. Cerca di ricreare l’Armonia e la pace tra gli uomini e l’intero universo attraverso il cibo. Quello che avviene in cucina è una trasformazione alchemica che vissuta con consapevolezza è pari alla trasformazione che può avvenire seduti in meditazione

Dott.ssa Francesca Varvello – La ricerca applicata all’industria molitoria per l’ottenimento di farine a basso impatto glicemico

Il consumo di farina tradizionale 00 porta l’organismo a produrre una maggiore quantità d’insulina per contrastare l’innalzamento dell’indice glicemico. Con il tempo questa propensione si traduce nel malfunzionamento del pancreas, responsabile della produzione d’insulina, in aumento del peso e di grassi nel corpo con il conseguente sviluppo d’importanti patologie. Questi motivi spingono medici e nutrizionisti a sconsigliarne spesso il consumo, in particolare, nelle diete di pazienti con diabete, malattie vascolari e soggetti ad obesità.Finora gli unici alimenti alternativi consigliati dal mondo medico sono stati quelli di tipo integrale raccogliendo uno scarsissimo gradimento da parte di consumatori e pazienti. Il consumo di prodotti da forno integrali rappresenta infatti una percentuale esigua.Studi e ricerche hanno permesso di realizzare una farina che contiene i principi nutritivi della crusca e del germe del chicco di grano, ma che mantiene l’aspetto di una farina bianca. Il pane, i dolci e i prodotti da forno creati artigianalmente con la farina Integralbianco®, infatti, hanno biodisponibilità di fibra solubile superiore del 20% rispetto ad un alimento realizzato con la farina integrale, rallentano quindi l’assorbimento di nutrienti, come zuccheri e grassi, contribuendo al controllo del glucosio nel sangue.

 

Durante l’evento verranno gentilmente offerti prodotti di Farine Varvello

 

Partecipazione Gratuita. Prenotazione obbligatoria.